Mercato auto settembre 2017: le prime sentenze, la fine dell’auto a metano


EcomobilityIdeaUnrae_Settembre2017EcomobilityIdeaUnrae_Marzo2017A settembre ci si poteva aspettare un cambio degli equilibri, in realtà sostanzialmente cambia poco, ma si può dire che l’ auto a metano è in via di estinzione. Dopo un mese di insistente pubblicità su radio e tv con anche importanti incentivi da parte delle case automobilistiche, un +2,4% rispetto a settembre 2016 è un risultato imbarazzante, la risposta degli italiani alla domanda se vogliono l’ auto a metano è stata “Non è necessario, ci sono già ibride e GPL, perché complicarsi la vita comprando un’ auto a metano?“.

Le ibride segnano un altro +48.7%, non male, ma poteva andare meglio; se si ripetesse un andamento simile al 2014 con maggio miglior mese e ottobre meglio di settembre, forse il prossimo mese le valutazioni saranno diverse, visto anche gli incentivi per l’ ibrido Toyota cambiando un vecchio diesel, da 5000 a 8000 euro! In ogni caso ormai le ibride guadagnano lo 0.04% di quota di mercato ogni mese. Per quanto la distanza dei totali sia ancora considerevole e il totale delle auto a metano al 2016 era di 911.000 unità, sarà più facile raggiungere il milione da parte dell’ alimentazione ibrida piuttosto che da quella a metano.
EcomobilityIdeaUnrae_IbrideSettembre2017.pngGrafico green-start: leggerissimo rallentamento a settembre, ma i numeri sono comunque buoni e propositivi per ottobre.
EcomobilityIdea-greenStart-IbrideSettembre2017Come detto ibride e GPL stanno assorbendo il mercato delle metano. Le GPL in realtà stanno solo riprendendo la quota di mercato che avevano 2 anni fa, però un altro +16.9% è un buon indice di mercato.

Il Diesel mantiene la perdita dello 0.1% di quota mercato da gennaio rispetto al 2016, ma come detto sarà da vedere la risposta degli italiani riguardo gli incentivi Toyota, validi fino al 31 ottobre.
Anche le solo-Benzina mantengono costante la perdita dell’ 1.1% di quota mercato su base annua.
Le case automobilistiche insistono sul fatto che i vecchi motori endotermici non spariranno e agli ultimi Saloni proclamano di migliorare ancora del 20% l’ efficienza dei motori diesel e benzina, sostenendo che il problema dei diesel non è il motore, bensì il carburante.
Per il momento i miglioramenti di un solo 20% serviranno al massimo per le ibride plug-in.

Le auto Elettriche sono in costante aumento a 3 cifre percentuali, a settembre però solo  +25% su base mensile rispetto al 2016. Numeri bassi, ma forse in molti hanno aspettato notizie riguardanti le colonnine di ricarica, infatti il 30 settembre ne sono state installate da Enel ben 30 tra Milano e Napoli. Inoltre si fanno avanti anche le colonnine in città.
EcomobilityIdea-ColonnineRicaricaElettriche2017EcomobilityIdea-TrevisoElettricaPNIRE
Nessuna notizia invece in merito all’ investimento ipotizzato ad aprile/maggio da Eni e Snam per 300 nuove stazioni a metano, ci sono solo notizie di un imbarazzante Marchionne non ancora convinto sull’ auto elettrica. Di questo passo a marzo le nuove immatricolazioni a metano saranno superate anche dalle elettriche.
EcomobilityIdeaUnrae_ElettricheSettembre2017
Grafico green-start immatricolazioni elettriche: l’ aumento è diventato una “costante non-costante”.
EcomobilityIdea-greenStart-ElettricheSettembre2017

Ad ottobre vedremo se ci saranno altre sentenze di mercato.

Dati 2016, notare il cambio tendenza.EcomobilityIdeaUnrae_Dicembre2016Resta un piccolo dubbio sul dato effettivo del 2016, in quanto nella tabella unrae 2017 viene riportato 4005 anziché 3900, ma cambia di poco.
EcomobilityIdeaUnrae_Settembre2016