Mercato auto maggio 2018: tempesta sul diesel, è -10.1%, elettriche shock, è +298.7%


EcomobilityIdeaUnrae-Maggio2018EcomobilityIdeaUnrae_Maggio2017Il mercato auto di maggio 2018 rivela un’ importante caduta del diesel e contemporaneamente un’ impennata storica delle elettriche un solare +298.7%.

Come si vede dai dati unrae, le ibride pur rallentando, crescono del 12.3%, compreso il +38.3% delle ibride plug-in. Quota di mercato ibride 2018 ancora al 3.8%.
Incentivi sempre ben mirati da parte di Toyota e C-HR vola.
EcomobilityIdeaUnrae-IbrideMaggio2018Grafico green-start: a maggio 2018 ibride in crescita ma non troppo, anche se maggio 2018 è il miglior mese dell’ anno e il miglior mese di sempre in termini numerici.
EcomobilityIdea-greenStart-IbrideMaggio2018Dopo un aprile in rimonta il GPL torna in affanno, -3.5%, quota di mercato 2018 al 6.0%.
Il metano raddoppia e segna ancora un +106.7%, quota di mercato al 2.3%, crisi passata ma solo grazie a Volkswagen che ha la metà delle vendite per questa alimentazione.
GPL e metano nel complesso risalgono dopo mesi in negativo, ora detengono l’ 8.3% di quota di mercato, nel complesso, non così male.

La notizia del mese è: immatricolazioni Diesel a -10.1% rispetto a maggio 2017. Un mercato italiano che da inizio anno è in linea con i volumi del 2017, -0.3%, mostra un diesel in completo affanno. Marchionne ha ufficializzato l’ abbandono del diesel per il 2022, il che non avrebbe senso rispetto alla quota di mercato che FCA ha con il diesel, ma ha senso rispetto ai numeri in calo e rispetto ai  limiti sulle emissioni che entreranno in vigore nei prossimi anni. Inoltre c’è il clamoroso blocco della produzione della Porche Cayenne perché troppo indietro nel rispettare i nuovi limiti sulle emissioni, aggiungiamo anche il blocco per tutte le diesel Euro 4 e precedenti per Milano già dal 2019, il rientro imposto dalla Germania per 130.000 Mercedes diesel Euro 6, colpevoli, ancora una volta, di avere a bordo un software che altera i test sulle emissioni e la percezione verso il diesel è servita. Per finire, ma forse più importante, ciliegina sulla torta, la Germania ha imposto una multa da un miliardo di euro a Volkswagen  per il dieselgate; l’ AD del gruppo tedesco prende in positivo la multa perché una volta pagata non avranno più cause aperte; noi prendiamo la notizia in positivo perché Volkswagen venderà meno diesel assassini.
Siete liberi di comprare un’ auto diesel, ma ora la comprate consapevoli del danno contro la Natura.

Un altro positivo per le solo-Benzina +3.1% rispetto allo stesso mese dell’ anno precedente le porta al 33.6% di quota di mercato. Questo comporta un aumento delle emissioni di CO2, quindi diventa importante disincentivare il diesel, ma ancor più incentivare le altre alimentazioni e abolire le solo-benzina.

Storica fiammata per le Elettriche, +298.7% non si era mai visto nemmeno per le ibride nel 2013 quando i numeri erano gli stessi delle elettriche oggi.

Questo mese i numeri sono anche più reali, perché ci sono gli arrivi delle ordinazioni della nuova Nissan Leaf e della nuova Renault ZOE. Ricordiamo che un’ elettrica quasi mai è in pronta consegna o a km0, perché i numeri sono ancora bassi, quindi vanno ordinate con attese purtroppo anche di alcuni mesi.
EcomobilityIdeaUnrae-ElettricheMaggio2018Dal grafico green- start si vede la svolta epocale, il cambio che tutti aspettavano. Nemmeno le ibride nei primi anni avevano mai segnato un +298.7% il che diventa interessante per i prossimi mesi. Mentre Volkswagen si prende la multa da un miliardo di euro, Renault investe un miliardo di euro sulle auto elettriche.
EcomobilityIdea-greenStart-ElettricheMaggio2018Questo mese Elettriche molto avanti rispetto alle plug-in, insieme registrano 901 immatricolazioni “ricaricabili”, nuovo record mensile.

Dati 2017-2016: diesel peggior quota di mercato degli ultimi 5 anni, ibride in aumento, GPL+metano in aumento, elettriche e ibride plug-in nuove protagoniste.
EcomobilityIdeaUnrae_Maggio2017EcomobilityIdeaUnrae-Maggio2016